appuntamenti con la... VITA

 

La settimana appena trascorsa è stata “super popolata” da messaggi e messaggeri di buona speranza, tutti uniti nella direzione della raccolta per la ricerca scientifica.

E’ bello vederci tanto compatti a difesa di un diritto fondamentale che è: SPERARE di migliorare le proprie sorti, soprattutto, quando ci rendiamo conto che ancora non è stato individuato il medicinale o la cura clinica che ci permetta di ambire ad un futuro meno infermo ed infernale.

Tra le tante testimonianze a cui ho assistito, mi ha molto colpito quella di una ragazza, affetta da una malattia rarissima che le ha devastato l’esistenza e che, a un certo punto della confessione, rivela di non sapere più cosa scegliere per salvarsi: se l'attesa speranzosa di una cura medica o… la morte!

 

Nel suo triste e toccante racconto, ha rivissuto quel momento fatidico in cui è stata obbligata a quell’appuntamento con la malattia, che le ha cambiato la vita per sempre. Ed è qui che vorrei soffermarmi con Voi, su questi imprevedibili appuntamenti, confezionatici abilmente dal destino, che ci trasformano per sempre dentro e fuori.

Essere affetti da una malattia rara ed incurabile deve essere una “croce” difficilissima da portarsi dentro, perché è maledettamente dolorosa, sia per chi ne subisce il suo peso, e sia per quanti provano ad assisterne e lenirne, con affetto e devozione, la crudele efferatezza del suo lento ed inesorabile consumarsi.

Immaginate, per tutti questi “sfortunati della vita”, come debba essere struggente il ritrovarsi, da un momento all’altro, con questo maledetto appuntamento crudele: un’analisi clinica, una visita medica, un incidente, un malanno… un caso fortuito ed eccoti qui, condannato a soffrire e vedersi rovinata la propria vita PER SEMPRE!

 

Senza volermi perdere in inutili parole o considerazioni scontate, provate ad immaginare cosa è la vita quando ci prepara un APPUNTAMENTO col destino che  ci trasformerà per sempre. 

Oggi, quello che ci appartiene lo diamo per un qualcosa di scontato e logico, dimenticando che questo cielo, questo vento, questo profumo e questo battito può cambiare per noi da un momento all’altro.

E senza voler “passare” per un malaugurate, mi limito a pensare a tutta quella gente, vicina o distante da me, che si presenta a quel appuntamento in maniera totalmente impreparata.

Non ho altre parole da aggiungere perché il pensiero si rattrista all’idea che tutto quello che c’è è assolutamente transitorio e imperfetto, perché in continua evoluzione e soggetta a radicali mutamenti dentro, fuori ed attorno a noi.

 

 

... ... ...
Mi sono fermato per un istante perché i pensieri si sono lasciati immalinconire dalla tristezza, ma credo davvero che siano una sorta di “pseudo-eroi” quelle persone che si animano di buona volontà e tanta speranza per raccogliere fondi e sostegno, affinché “angeli col camice” si concentrino sempre più sulla ricerca e consegnino a tutti i malati un motivo in più a sperare che… quella rara malattia ci fa un po’ meno paura, perché iniziamo a conoscerla e… combatterla.

Ma vorrei anche che non venisse trascurata un’altra tipologia di appuntamento, ancora più inglorioso e disastroso: quello con la disperazione, la disfatta, la pazzia… la morte.

Non può passare inosservata ogni singola notizia di “stragi familiari, con autori poveri disperati della vita, che attraverso gesti estremi, irrazionali, squilibrati e folli arrivano ad ammazzare i propri affetti più intimi e cari per lo smarrimento generato dai troppi APPUNTAMENTI rimandati, non rispettati, imprevedibili, disattesi e… FALLITI!

Anche lì non c’è cura e non c’è ricerca che sappia ancora combattere e vincere la delusione di una vita piena di fallimentari appuntamenti con la sfortuna.

Anche in quei casi quell’appuntamento con la pazzia o la morte è un evento drammatico che, come una malattia incurabile, non conosce sosta ed avanza… insiste… convince… persuade… vince… distrugge… PER SEMPRE!

 

 

Voglio provare a congedarmi con un bel augurio, di quelli speranzosi, tinti di rosso dalla passione per la vita e racchiusi in una bella cornice di colore verde speranza, da destinare a quanti ogni giorno vivono di certezze e di aspettative, di speranze e rassegnazione, di vita e d’amore per la vita di ogni giorno.

Ma voglio, soprattutto, rivolgere il mio personale augurio a quanti avranno APPUNTAMENTI fondamentali con il proprio futuro; e non mi rivolgo solo alla malattia, ma intendo estenderlo a quanti incontreranno l’amore, un nuovo lavoro, un'altra preoccupazione, un nuovo amico, un'altra delusione, un’altra poesia, un altro addio… altra VITA!

 

Per noi e per i nostri futuri APPUNTAMENTI con il domani, auguriamoci SEMPRE che ci si presenti preparati e con la speranza che qualsiasi possa essere l’incontro che ci destina la vita, noi sapremo sempre SORRIDERE E CONTINUARE A SPERARE DI INCONTRARE DELL’ALTRO BUON DOMANI PER NOI.

 

 

indietro >>

 
 

 

 

 

 

- RIFLESSIONI IN PUNTA DI CUORE - pensieri a ruota libera di Gianfranco Iovino                    

 
 
 

un po' di... BUIO

amore senza limiti

appuntamenti con... LA VITA

in ETERNO... a chi?!

una sana bugia

santa... PAZIENZA

è solo un buco... nell'acqua

vertiginosi SEGRETI

quei posti lontani...

in posa il cuore... per una foto

maledetto nemico ALCOL

meglio un rimorso o un bel...

VOLARE... un bello sforzo

una data CERTA... e poi?

SESSO... quel chiodo fisso

LAOS: diritto ad essere bambini

la fretta

amico mio... dove sei?

ti amerò fino a... MORIR PER TE!

il padre è il PADRE

angeli... in corsia

8 Marzo... tra mimose e fiamme

sommersa

amore spegni la tivù

è San Valentino per... TUTTI

passione

acqua che... UCCIDE

intervistare l'impossibile

un desiderio MAGICO

fatti... e non parole

come si spegne un amore?

un dramma... esser donna!

20 novembre... tutto l'anno

l'allegria rende meno INFELICI?

correre, correre... e poi?

VISI... non visti più

anche per morir ci vuole... tempo

profumi della vita

sempre è... VITA

specchio delle mie brame

di come eravamo NOI

siamo ABUSANDO troppo!

amata libertà

vento di ricordi

il tuo tempo

sballiamo l'NFG?

distrofia muscolare:  male perfetto

a me gli occhi

il giorno dopo... PILLOLA?

il posto giusto dell'amore

fantasticare fa bene?

prima il dovere e poi il piacere?

MALEDETTE CH@T!!!

molto felici

non ritornano più!

è bello sentirti

l'uragano DONNA

oggi sarò LEGGERO

sessualizzati

... smettila!!!

mettere in gioco il cuore

quel primo appuntamento

a difesa delle 3 ore al giorno

volevo dirti che... MI MANCHI

non siamo esenti da colpe

... bustine d'amore

non ci credo ma... li leggo

TRADIRE... un bisogno d'amare?

vince chi abbandona?

gelosia in amore

lacrime d'amore