il padre è sempre IL PADRE


 

Il 19 marzo si festeggia il papà.

Questa presenza così mutevole nel corso della nostra crescita che ce lo fa apparire sempre diverso, nuovo ed imprevedibile.

Questo papà che quando siamo bambini veste i panni dell’eroe perfetto, che sa sempre scegliere cosa fare e da quale parte farci stare. Basta un suo sorriso, una carezza improvvisa sul nostro viso e tutti i problemi da bambino sono già dimenticati.

Questo papà che poi cresce con noi e si adegua, provando a fare anche un po' l'amico; quello che cerca di non starti più accanto, ma sa ogni cosa di te. Un papà meno da favole e molto più disponibile, di cui ne senti il bisogno perché è luce nelle tue notti buie; è risposta alle tue mille domande; è sostengo quando il mondo ti sembra un posto invivibile da frequentare.

Questo papà che poi diventa adulto e maggiorenne insieme a noi, ma non riesce mai a staccarsi completamente. Non è più quel genio della lampada che cerchiamo continuamente, ma gli assomiglia ancora. E’ ancora lui il depositario di ogni nostra ambizione ed è bello confrontarci con lui… se ha il tempo di fermarsi ad ascoltarci.

Non calziamo più le sue scarpe enormi da gigante e neppure ci vestiamo delle sue giacche larghissime, ma lo cerchiamo ancora. Ancora vorremmo che venisse fuori da dietro un muretto in tutti quei momenti in cui ti confronti coi coetanei, con l'amore e le prime inevitabili cocenti delusioni e non sai a chi chiedere un po’ di aiuto.

Questo papà che poi lo dimentichiamo un po', perché c'accorgiamo di essere diventati grandi anche noi e dobbiamo fare la nostra parte nel mondo. Ora siamo adulti e nessuno ci può più legare le ali. Non è giusto raccomandarsi di non fare tardi e non è corretto che ci si preoccupi dei nostri balli in discoteca o della compagnia di sbandati che stiamo frequentando. Noi siamo figli coscienti e grandi abbastanza da cavarcela da soli... Noi siamo i migliori fra tutti, e fuori strada o contro un muro ci vanno sempre i figli degli altri! (secondo noi)

Questo papà che si emoziona se ci sposiamo, ci rimprovera se siamo scapestrati, si amareggia se non portiamo un buon esempio e si affida al buon Dio se partiamo per lunghi viaggi definitivi.

Questo papà che poi diventa nonno o il nostro migliore "vecchio amico di sempre", che ci assomiglia e che ancora, sotto voce tra i denti, mentre stiamo per andare via… ci da un bacio e ci dice in un sorriso: "stai attento figlio mio".

 

Per chi un papà non lo ha mai avuto fino in fondo e per quanti, proprio come me, lo hanno perso senza avere il tempo di abituarsi alla sua assenza incolmabile, e quanti altri lo hanno accanto e vorrebbero difenderlo di più dalle tagliole della nostalgia e della dimenticanza, va in dedica questo mio pensiero questa sera.

 

 

Chiudo facendolo alla mia maniera con un po' di poesia.

Ma questa volta lo faccio prendendo in prestito un testo spettacolare scritto da Nino D'Angelo, che in maniera sublime riesce a racchiudere nello spazio di una canzone l’immensità contenuta in una parola e in ruolo fondamentale: essere PAPA'!

Mi perdonerà il buon Gaetano se mi permetto di trascrivere il testo in italiano e divulgarlo nelle community che frequento senza la sua autorizzazione, ma non posso chiudere un editoriale tanto riflessivo senza riportare la sua spettacolare poesia.

Se avete la possibilità di ascoltare questo brano, vi consiglio di farlo… la musica, l’atmosfera delle parole e la profondità di ogni singolo respiro magnificano il senso assoluto di questa presenza che, comunque sia, resta in noi INDIMENTICABILE!

 

 

 

 

dall’album 'O Schiavo e 'o Rre

il testo in italiano della canzone 'O PATE di Nino D’Angelo

 

 

Il padre è il padre

non si può lamentare mai con nessuno

deve fare sempre il forte, deve fare il padre.

È capo ma non sa comandare

Il padre è il padre

Sempre nascosto non si vede mai, ma sa tutto quello che succede e quando vuole si sa far sentire

E con la fatica in faccia e dentro alle ossa va camminando con i pensieri dietro

Si cresce i figli dentro al portafoglio, sempre più pieno di queste fotografie

Nessuno lo sente quando parla da solo e si fa vecchio sistemando i guai

E se gli fai male si conserva il dolore dentro ad un sorriso

e si va ad appendere nell’oscurità ad una lacrima del cuore che ogni tanto lo fa cadere

Il padre è il padre

Non si può rassegnare se il giorno è nero

Per forza deve trovare un pezzo di sole per scaldare la casa sua prima di partire

Il padre è il padre

Il primo amico di quando sei bambino che fuori della scuola non lo trovi mai

ma sta tutti i momenti dove stai tu

Ti aspetta sempre con il piacere in mano

Se non vuoi niente ti deve dare qualcosa

E si sta zitto per guardare le parole, che sono carezze che lui ti ha insegnato

Abbassa gli occhi quando ti saluta e sotto i denti dice stai attento

E quella mano che tocca la spalle è il coraggio che hai

E non  ti metti più paura

perché sai che non sei solo

quando la vita è contro di te

 

  

 

Ciao Pà… vorrei rivederti per un istante solo e dirti che… MI MANCHI

 

indietro >>

 
- RIFLESSIONI IN PUNTA DI CUORE - pensieri a ruota libera di Gianfranco Iovino
 

 

 

 
 
 

 
 

riflessioni in punta di cuore


 
 

un po' di... BUIO

amore senza limiti

appuntamenti con... LA VITA

in ETERNO... a chi?!

una sana bugia

santa... PAZIENZA

è solo un buco... nell'acqua

vertiginosi SEGRETI

quei posti lontani...

in posa il cuore... per una foto

maledetto nemico ALCOL

meglio un rimorso o un bel...

VOLARE... un bello sforzo

una data CERTA... e poi?

SESSO... quel chiodo fisso

LAOS: diritto ad essere bambini

la fretta

amico mio... dove sei?

ti amerò fino a... MORIR PER TE!

il padre è il PADRE

angeli... in corsia

8 Marzo... tra mimose e fiamme

sommersa

amore spegni la tivù

è San Valentino per... TUTTI

passione

acqua che... UCCIDE

intervistare l'impossibile

un desiderio MAGICO

fatti... e non parole

come si spegne un amore?

un dramma... esser donna!

20 novembre... tutto l'anno

l'allegria rende meno INFELICI?

correre, correre... e poi?

VISI... non visti più

anche per morir ci vuole... tempo

profumi della vita

sempre è... VITA

specchio delle mie brame

di come eravamo NOI

siamo ABUSANDO troppo!

amata libertà

vento di ricordi

il tuo tempo

sballiamo l'NFG?

distrofia muscolare:  male perfetto

a me gli occhi

il giorno dopo... PILLOLA?

il posto giusto dell'amore

fantasticare fa bene?

prima il dovere e poi il piacere?

MALEDETTE CH@T!!!

molto felici

non ritornano più!

è bello sentirti

l'uragano DONNA

oggi sarò LEGGERO

sessualizzati

... smettila!!!

mettere in gioco il cuore

quel primo appuntamento

a difesa delle 3 ore al giorno

volevo dirti che... MI MANCHI

non siamo esenti da colpe

... bustine d'amore

non ci credo ma... li leggo

TRADIRE... un bisogno d'amare?

vince chi abbandona?

gelosia in amore

lacrime d'amore