il tempo... una fotografia

 

 

Oggi voglio soffermarmi sulle fotografie!

Si, proprio le foto. Quelle che ci ritraggono quasi sempre disponibili, curati nella posizione e con qualche bel sorriso, stentato, genuino o falso che sia, indispensabile per l’occorrenza e che fa bene a rivederlo nel tempo che verrà a chi si ferma a guardare nel tuo album di scatti, stralci della tua vita.

 

Avete mai riflettuto sulla particolarità di una foto? Di per sé è solo un fotogramma che immortale un istante infinitesimale. Eppure, non ci piace fotografare momenti tristi o brutti. Quelli dobbiamo cancellarli il più presto possibile, figurarsi se saremmo cosi cinici da volerli renderli indimenticabili.

Fotografiamo solo squarci di vita piacevole del nostro tempo migliore andato...

IL TEMPO: questo abile giocoliere dei nostri domani, che muove tutto intorno a noi.

Che bello sarebbe potersi  procurare un po' di quella patina antinvecchiamento, da spargere sui nostri giorni futuri, cosi da ricordarli sempre presenti, ed evitare il rischio che il tempo li faccia scolorire.

Una notte, di qualche tempo fa, ricordo di aver fatto un sogno stranissimo, dentro al quale mi ritrovavo a fissare una mia immagine recente, che mi ritraeva fotografato in bella posa. La mia faccia attuale, la mia espressione solita, il mio sorriso di sempre.

La scrutavo con grande tristezza e non riuscivo a capire cosa potesse determinare in me un simile scoramento.

Poi, d'incanto, come se obbligato ad alzare il capo, ho lanciato il mio sguardo serioso nella direzione di  uno specchio e mi sono rivisto riflesso con un volto anziano, che mi ha procurato brividi, per quella improvvisa ed inaspettata visione.

Quanto più confrontassi foto ed immagine riflessa, che sapevo bene appartenere entrambi a me, tanto più sentivo incalzare da lontano una voce sottile che mi raggiungeva, ripetendomi sempre la stessa frase: "guarda come eri un tempo. Tutto passa, cambia e si trasforma... nel tempo che verrà".

Praticamente un vero e proprio incubo che mi ha costretto a svegliarmi di soprassalto.

Mi sono fermato a riflettere, nel buio della notte, su quanto avesse inventato la mia mente in quel sogno strano, e l'inquietudine mi ha assalito prepotentemente, da costringermi ad alzarmi ed andare in cucina per distrarre la mente da quella ossessione.

Un invasamento violento, che non credo fosse stato procurato dalla paura di diventare vecchi (sarebbe gia un miracolo avere la certezza di arrivare ad una età anziana... coi tempi che corrono) quanto, invece, il razionalizzare quanto possa essere mortificante per un uomo, rivedersi in vecchie foto e rielaborare frammenti che sono appartenuti alla propria età migliore.

NOI OGGI...  cosi forti e determinati. Padroni di una precisa  volontà che non ci permette di arrendersi MAI davanti a nulla.  Oggi è cosi, ma.. domani? 

Un domani lontano, come reagiremmo agli appesantimenti del fiato, le lentezze dei movimenti e la smemoratezza della mente, che farà fatica a ricordare come eravamo NOI?

Sapremmo vincere l'arresa di un peso insopportabile, rappresentato dalla convinzione di essere un fastidio per chi ci assiste, o ci indirizzerebbe ancor più velocemente verso il canale del buio eterno?

Non lo so. Confesso che mi inquieta non poco pensare all'evento. Non mi va di chiedermi cosa possa accadere di me domani e, tanto meno, voglio perdermi nei fondali di esasperate introspezioni, che non portano da nessuna parte. Creerebbero solo altri patemi... (ne abbiamo già a sufficienza che... bastano!)

Non è paura della morte: è un passaggio obbligato, da affrontare prima o poi.

Non è paura di diventare vecchi: continuo a credere che sarebbe già una grande fortuna resistere al mondo il più a lungo possibile.

Forse è solo preoccupazione di non riuscire ad essere cosi abili da vincere i tormenti, procurati dalla visione di antiche memorie, durante le quali eravamo NOI... conquistatori del nostro mondo e del nostro tempo migliore.

 

Chissà se un domani lontano mi ricorderò ancora di quando ero Gianco, di quanto mi piaceva l'idea del poter scrivere ed essere letto con affetto. Ricordarmi tutti quanti i brividi, procurati da ogni singolo pensiero felice, che germoglia in me a sapermi protetto e difeso da una stima che resta intatta nel tempo tra di noi.

Chissà se ricorderò di quanto amore e passione metto in ogni mio scritto...  ogni mio sorriso...  ogni mio singolo respiro!

Comunque sia, devo chiudere l'editoriale e dovrei farlo, come sempre, con la solita morale da ergere a discussione o riflessione per tutti noi.

Sarebbe troppo comodo e facile rapportarsi alle sofferenze silenziose vissute dagli anziani, che ci vivono attorno indolenti e costretti a sopportare quella inutile attesa, che gli deraglia cuore e speranza, ma... non è questo il senso del mio editoriale.

 

"La vita dovrebbe essere affrontata sempre come se fossimo davanti ad una macchina da presa... pronta ad immortalare l'attimo che stiamo vivendo, sapendo offrire il nostro profilo migliore. Un sorriso spontaneo che... deve essere proposto colorito e caloroso, cosi da sapersi meno soli, ed avere la certezza di riuscire ad essere  ricordati in modo piacevole nel tempo che verrà, da chi ti è di fronte e scatta foto da archiviare nella mente e nel proprio cuore!"

 

Cari amici miei buona settimana a voi e fate attenzione...  vi stanno scattando una foto proprio adesso: sorridete... CLICK!

 

indietro >>

 
- RIFLESSIONI IN PUNTA DI CUORE - pensieri a ruota libera di Gianfranco Iovino
 

 
 
 
 

 

un po' di... BUIO

amore senza limiti

appuntamenti con... LA VITA

in ETERNO... a chi?!

una sana bugia

santa... PAZIENZA

è solo un buco... nell'acqua

vertiginosi SEGRETI

quei posti lontani...

in posa il cuore... per una foto

maledetto nemico ALCOL

meglio un rimorso o un bel...

VOLARE... un bello sforzo

una data CERTA... e poi?

SESSO... quel chiodo fisso

LAOS: diritto ad essere bambini

la fretta

amico mio... dove sei?

ti amerò fino a... MORIR PER TE!

il padre è il PADRE

angeli... in corsia

8 Marzo... tra mimose e fiamme

sommersa

amore spegni la tivù

è San Valentino per... TUTTI

passione

acqua che... UCCIDE

intervistare l'impossibile

un desiderio MAGICO

fatti... e non parole

come si spegne un amore?

un dramma... esser donna!

20 novembre... tutto l'anno

l'allegria rende meno INFELICI?

correre, correre... e poi?

VISI... non visti più

anche per morir ci vuole... tempo

profumi della vita

sempre è... VITA

specchio delle mie brame

di come eravamo NOI

siamo ABUSANDO troppo!

vento di ricordi

il tuo tempo

sballiamo l'NFG?

distrofia muscolare:  male perfetto

a me gli occhi

il giorno dopo... PILLOLA?

il posto giusto dell'amore

fantasticare fa bene?

prima il dovere e poi il piacere?

MALEDETTE CH@T!!!

molto felici

non ritornano più!

è bello sentirti

l'uragano DONNA

oggi sarò LEGGERO

sessualizzati

... smettila!!!

mettere in gioco il cuore

quel primo appuntamento

a difesa delle 3 ore al giorno

volevo dirti che... MI MANCHI

non siamo esenti da colpe

... bustine d'amore

non ci credo ma... li leggo

TRADIRE... un bisogno d'amare?

vince chi abbandona?

gelosia in amore

lacrime d'amore