indifferentemente VIVO


 

Indifferenza: atteggiamento, comportamento di noncuranza, di freddezza e distacco nei confronti di qualcosa. Indifferente è considerato quel “qualcosa o qualcuno”,  che si dimostra privo di caratteristiche, qualità od utilità per essere preferito ad altri. Mancanza assoluta di sentimento!

E il sentimento, invece, cos'è?: una sensazione interiore, un moto dell'anima, un affetto astratto ma profondo.

Il sentimentale è colui che prova affetti delicati e sinceri e si lascia sopraffare da essi. -

 

Riportate queste due descrizioni dal vocabolario della lingua italiana, che ci serviranno a seguire un canovaccio guida, iniziamo pure a parlare dell'argomento INDIFFERENZA e PASSIVITA', che tanto vi ha attratto e, credo, meriti un maggiore approfondimento! Tutto parte da un post, lasciato una sera di qualche tempo fa, da Falkur sul forum di cuorinellatormenta, in cui ha ritenuto giusto denunciare lo stato increscioso e deprimente nel quale si combatte l'anima chi subisce una indifferenza passiva.

Riporto alcuni passi salienti delle testimonianze rilasciate, perché molti degli iscritti alla mailing non leggono il forum, e mi sembra doveroso riepilogare:

 

Un passo saliente dello scritto di Falkur dice che: "l'indifferenza è un sentimento cosi avvilente che è peggiore fin anche dell'odio. Una persona se nutre odio nei tuoi riguardi te lo dice in faccia e completa la sua ira in un inevitabile abbandono definitivo, mentre invece, chi esaspera la totale indifferenza verso te, riesce a perpetrarlo con insistenza, facendoti un gran male nel cuore, perché non ti è concesso di spiegarti"

Anche il commento di RosaDiGhiaccio è stato molto incisivo, ingigantendo ulteriormente quella fragilità, sostenendo che: "l'indifferenza contro chi soffre, non è soltanto violenza, ma... un reato!" Anche se poi, analizzando la sfera amorosa, ci dice che  "spesso sono proprio le indifferenze che ci attraggono maggiormente. Una sorta di sfida! Da violenza diventa vessillo di battaglia del cuore; si acuisce spietatamente in noi, ma la voglia di attirare attenzioni da colui/e che non ci degna neppure di uno sguardo, ci istiga, rendendo la caccia al suo cuore, sublime e intrigante".

Tina, invece, ci delinea un possibile motivo, che a suo modo di vedere, crea l'indifferenza tra noi: "la gente vuole sempre stare al centro dell'attenzione e se gli togli questo privilegio, rischi di ritrovarti sola e orfana di quello che tu, credevi, fosse amicizia sincera. Conclude riferendo che i problemi non piacciono a nessuno, neppure a sentirseli raccontare, e nella faticosa difficoltà di trovare sempre una parola di conforto, si preferisce l'indifferenza che porta all'egoismo ma almeno... evita le litanie sofferenti di chi ha bisogno non di parlare ma... lasciarsi ascoltare di più"

Scorgendo ancora fra i commenti degli amici di cuorinellatormenta, fa riflettere la considerazione di Marella, la quale si chiede se realmente l'indifferenza sia uno sbaglio! Si chiede se "l'indifferenza nei confronti di persone che hanno procurato forti mali al cuore, non siano meritevoli di simili trattamenti ripugnanti." Per lei, "armandosi di indifferenza, accresce il valore simbolico da attribuire a chi le regala solo dolore.... NON ESISTONO!"

Alla sua tesi, si contrappone, SnowFairy che ci esorta a riflettere sulla difficoltà, di persuadere la nostra INDOMABILE determinazione nel convincerla, "ad imparare ad accettare di più le realtà meno belle e piacevoli della vita e curare anche le cose meno interessanti, che arricchiscono comunque l'anima"

E chiudo la cronistoria, con la testimonianza di un nuovo amico frequentatore; polterschrist il quale sottolinea che "in amore non deve essere vista come un segnale negativo l'indifferenza, in quanto determina un raziocinio maggiore e ci convince che, forse, quella indifferenza, vuole solo confermarci che non merita la nostra sincerità sentimentale"

Se rileggete quanto è stato posto all’inizio del mio scritto ci rendiamo conto che questo "sentimento negativo" è fortemente influenzato dalla mancanza di amore nei riguardi di questa passività. Dove c'è violenza, odio, esasperazione, mancanza di rispetto e fine di una storia... c'è quasi sempre, a testimonianza infallibile, l'indifferenza da parte di chi la perpetra o la subisce passivamente...

Indifferenza: questa  mancanza assoluta di considerazione;  esasperazione del disprezzo e della noncuranza, che potrebbe far credere che non è altro che una sottile leggerezza dietro alla quale si difende la mente, eppure, è inspiegabile come...   sia proprio "lei" la maggiore indiziata a renderci sempre più soli!

Oramai ci stiamo abituando al completo ridimensionamento dei limiti, annullando definitivamente le distanze.

Basta un computer, un collegamento ad Internet e ci ritroviamo a parlare con Mary da New York, Steve da Adelaide o Ivan da Mosca. Ci trascorriamo ore intere e confidiamo le nostre segretezze più personali, annulliamo le distanze  e ci sentiamo padroni di quanto ci è destinato di viverci addosso quotidianamente, e poi... non conosciamo neanche il viso del nostro vicino di pianerottolo... (anche questa è "indifferenza" allo stato puro!). E' strano, eppure capita spesso che, con amici lontani, ci promettiamo stima ed affetto durevole nel tempo, dimenticando che il nostro animo necessita di nature molto più vicine, vere e materiali da vivere e respirarsi addosso.

Ma l'indifferenza è una spietata crudeltà che si rivela anche quando contamina la regolarità dei nostri giorni. L'indifferenza: ad una guerra e le suoi innocenti vittime;  alla fame e la sete nel mondo, al dissipamento delle speranze e dei credi religiosi...  Oramai siamo allenati al peggio e non proviamo più disagio neppure a guardare il telegiornale, mentre in diretta ci vengono mostrate immagini di crudeltà inumana. Noi, beatamente, continuiamo a consumare il nostro pranzo o la cena, scrollando, a malapena, il capo. (questa, cari amici miei, non è solo INDIFFERENZA ma... CRUDELTA'!

Ricordate quel saggio mandarino che diceva più o meno cosi? "su un tavolo ci sono due pulsanti: quello di destra può far morire un tuo caro che soffre da tempo e l'altro di sinistra, evitargli la morte facendone morire al suo posto 100mila persone assiepate in una terra lontana... NOI non esiteremmo un solo istante, dirottando il dito su quello di sinistra".

Qualcuno potrebbe dire che è una reazione naturale e logica, mirata alla difesa dei propri beni assoluti ma... io faccio fatica ad accettare morti innocenti a difesa di un bene personale. A volte la vita è fatta anche di rinunce e gesti di amore verso il prossimo. (ma è una mia considerazione a mente serena e non influenzata dai drammi della vita ma, credo davvero, che... non si può sempre e soltanto sperare di vivere, difendendo i propri affetti e dimenticandosi del resto dell'Universo)

-Non siamo eroi e tanto meno Santi ma... uomini in un mondo popolato da altri uomini... sempre più soli-

 

Chiudo con un pensiero di Abba Poimen "la natura dell'acqua è tenera e quella della pietra dura. Ma il boccale appeso sopra la pietra, goccia dopo goccia, la fora".

L'indifferenza è pietra massiccia che blocca le visuali e rende sempre più soli, ma la volontà di regalare profili più sereni della nostra presenza è proprio come acqua pura che tracima da un boccale e… fora ogni indifferenza e passività.

 

indietro >>

 
- RIFLESSIONI IN PUNTA DI CUORE - pensieri a ruota libera di Gianfranco Iovino
 

 
 
 

 
 

 

un po' di... BUIO

amore senza limiti

appuntamenti con... LA VITA

in ETERNO... a chi?!

una sana bugia

santa... PAZIENZA

è solo un buco... nell'acqua

vertiginosi SEGRETI

quei posti lontani...

in posa il cuore... per una foto

maledetto nemico ALCOL

meglio un rimorso o un bel...

VOLARE... un bello sforzo

una data CERTA... e poi?

SESSO... quel chiodo fisso

LAOS: diritto ad essere bambini

la fretta

amico mio... dove sei?

ti amerò fino a... MORIR PER TE!

il padre è il PADRE

angeli... in corsia

8 Marzo... tra mimose e fiamme

sommersa

amore spegni la tivù

è San Valentino per... TUTTI

passione

acqua che... UCCIDE

intervistare l'impossibile

un desiderio MAGICO

fatti... e non parole

come si spegne un amore?

un dramma... esser donna!

20 novembre... tutto l'anno

l'allegria rende meno INFELICI?

correre, correre... e poi?

VISI... non visti più

anche per morir ci vuole... tempo

profumi della vita

sempre è... VITA

specchio delle mie brame

di come eravamo NOI

siamo ABUSANDO troppo!

vento di ricordi

il tuo tempo

sballiamo l'NFG?

distrofia muscolare:  male perfetto

a me gli occhi

il giorno dopo... PILLOLA?

il posto giusto dell'amore

fantasticare fa bene?

prima il dovere e poi il piacere?

MALEDETTE CH@T!!!

molto felici

non ritornano più!

è bello sentirti

l'uragano DONNA

oggi sarò LEGGERO

sessualizzati

... smettila!!!

mettere in gioco il cuore

quel primo appuntamento

a difesa delle 3 ore al giorno

volevo dirti che... MI MANCHI

non siamo esenti da colpe

... bustine d'amore

non ci credo ma... li leggo

TRADIRE... un bisogno d'amare?

vince chi abbandona?

gelosia in amore

lacrime d'amore

cuccia... zitto... MUORI.

paura di gridare

la solitudine... paura di parlare

poveri imperfetti figli dell'amore

non è solo questione di pelle

perDONO

fame di sete

gelosia disArMANTE

preferirei dormire

questa divina invenzione stupenda

le verità taciute

indifferentemente vivo

a caccia della vita