infanzia guerriera

 

 

Leggevo su un quotidiano i dati di un rapporto stilato dal consiglio di sicurezza dell'ONU, che sostiene che al mondo ci sono milioni di bambini costretti ad essere arruolati in guerra: poveri angeli, scacciati da ogni Paradiso; volti sconsolati e persi, obbligati ad obbedire in silenzio alla guerra.

Nessun sogno; nessun desiderio; neppure una semplice aspettativa da poter cullare segretamente dentro sé, durante tutte quelle notti fredde ed assassine in cui si resta immobili nascosti per riuscire a sorprendere il nemico: altri bambini... da ammazzare!

 

E durante quelle interminabili ore, rimasti in bilico sospeso sul mondo, e mai possibile che non trovino il tempo di sognare una vita normale? Una quotidianità fatta di cose semplici: una lettura, un disegno, un pasto caldo od una ricreazione da respirare a pieni polmoni nel cortile della scuola.

A leggere quell’articolo sembrerebbe che i baby-soldati  sono stati educati e plasmati in modo tale da non desiderare nulla di diverso dalla... guerra, uccisione, sangue, e odio!

Milioni di combattenti appena adolescenti, portatori di violenza e morte con un unico "diritto": non reclamare MAI!

 

Ieri pomeriggio si è svolta una conferenza internazionale, che ha analizzato il "problema" in modo serioso, partendo proprio dal riepilogo dei numeri di questo immane dramma, che accomuna volti indifesi sparsi in  angoli remoti del mondo, dove sembra che neppure Dio sia più in grado di fare nulla per loro.

Per quanto ci è dato di sapere, ci sono governi che abusano di questa "arroganza", delegittimando qualsiasi diritto umano per far fronte alla mancanza di guerrieri adulti.

Nessuno scrupolo nei riguardi del mondo e di quei loro stessi figli, abbandonati all'unico destino possibile: ammazzare in difesa della propria terra! 

Non è fantascienza amici quella di cui vi parlo, ma una cruda realtà che fa paura finanche a parlarne.

Nel mondo ci sono veri e propri mattatoi di anime innocenti. In ogni continente c'è traccia di questa disumanità: America Latina, Asia, Africa, per poi scendere nei particolari di determinate nazioni quali il Congo, Liberia, Costa d'Avorio, fino al dettaglio spaventoso, espresso in numeri come: i 70 mila baby-combattenti dichiarati in Birmania o gli 11mila arruolati nella lotta fra paramilitari, governativi e guerriglieri, in Columbia.

Numeri agghiaccianti... che rabbrividiscono il cuore di tutti, ma che... continuano a crescere.

Chi è "scelto" per essere arruolato non ha altra "scelta": o l'accetti (e forse vivi più a lungo) o rifiuti (e muori subito).

Quel volto bambino che si stava preparando a crescere insieme ai suoi sogni, deve rapidamente trasformarsi in "arma senza emozioni". Nessuna pietà è concessa a nessuno. I sentimenti devono essere sradicati repentinamente dalla mente ed il cuore, con dure privazioni e castighi ... tanto crudeli da sperare che terminino in fretta, tanto sono efferati e dolorosi!

Sparare (sperando di non morire)  o... morire (per non aver saputo accettare di sparare).. ad altri bambini uguale a lui.  

Questo, in sintesi, il loro destino!

 

Ad un certo punto dell'articolo viene riportato un breve stralcio di una intervista effettuata ad una ragazzina di 12 anni, che racconta tutte le angherie che è stata costretta a sopportare, fin dalla prima volta che è stata "scelta".  Per domare e cancellare ogni sua paura, durante le prime irruzioni notturne, è stata costretta a bere il sangue dei loro nemici. Questo orrore ingiustificabile ed inaccettabile, in tempi in cui ci sforziamo di credere che davvero si possa un giorno arrivare ad abitare pianeti lontani, deve lasciare un po' di sgomento dentro ognuno di noi. Non è possibile restarsene insensibili dinanzi a simili rivelazioni.

Sapere che un bambino, con gli stessi identici diritti di tuo figlio, è costretto a imbracciare l'artiglieria per sopravvivere domani è  una atrocità incommensurabile!

Non possiamo credere che appartengano a realtà lontane che non ci riguardano. Non è giusto comportarsi cosi. Non è cristiano restare in silenzio a subire!

Che colpe hanno loro di  non essere nati qui... in mezzo a noi, fortunati abitanti della terra civile?

Quelle infanzie rubate e tradite hanno lo steso identico diritto di nostro figlio, che adesso è a scuola e che, quando ritorna, ci intenerirà chiedendoci perchè non gli abbiamo fatto trovare la merendina preferita nella sua cartella questa mattina.

Un fascicolo lungo 50 pagine è pronto su una scrivania dell'ONU per essere discusso ed analizzato in profondità. C'è la volontà di provare a porre rimedio, bloccando i finanziamenti non giustificati, reprimere i traffici illeciti di armi, bloccare l'assistenza militare ai governi instabili e procedere, con l'istituzione di commissioni di vigilanza tutelati dal resto del mondo civile, a difendere il diritto di vivere una infanzia, una adolescenza ed una vita... NORMALE!

 

Chiudo l'editoriale prendendo in prestito il finale dell'articolo pubblicato sul quotidiano, che da voce a Cristina, baby soldatessa del Nord Uganda, rapita, torturata, violentata ed, infine, fatta diventare madre di un figlio “futuro guerriero”. Salvata ed assistita da un gruppo di volontari e, nel 2001, testimone del suo orrore a Bruxell con la lettura delle sue poesie, fra le quali una raccoglie tutto il senso di quel suo lungo calvario, oggi terminato, ma che per milioni di bambini è... appena iniziato.

 

ribelle assassino e ladro sono il mio nome.

Gli altri parlano di "età del computer"

ma leggere e scrivere...

resta il mio sogno di sempre

 

indietro >>

 
- RIFLESSIONI IN PUNTA DI CUORE - pensieri a ruota libera di Gianfranco Iovino
 

 
 
 
 

 

un po' di... BUIO

amore senza limiti

appuntamenti con... LA VITA

in ETERNO... a chi?!

una sana bugia

santa... PAZIENZA

è solo un buco... nell'acqua

vertiginosi SEGRETI

quei posti lontani...

in posa il cuore... per una foto

maledetto nemico ALCOL

meglio un rimorso o un bel...

VOLARE... un bello sforzo

una data CERTA... e poi?

SESSO... quel chiodo fisso

LAOS: diritto ad essere bambini

la fretta

amico mio... dove sei?

ti amerò fino a... MORIR PER TE!

il padre è il PADRE

angeli... in corsia

8 Marzo... tra mimose e fiamme

sommersa

amore spegni la tivù

è San Valentino per... TUTTI

passione

acqua che... UCCIDE

intervistare l'impossibile

un desiderio MAGICO

fatti... e non parole

come si spegne un amore?

un dramma... esser donna!

20 novembre... tutto l'anno

l'allegria rende meno INFELICI?

correre, correre... e poi?

VISI... non visti più

anche per morir ci vuole... tempo

profumi della vita

sempre è... VITA

specchio delle mie brame

di come eravamo NOI

siamo ABUSANDO troppo!

vento di ricordi

il tuo tempo

sballiamo l'NFG?

distrofia muscolare:  male perfetto

a me gli occhi

il giorno dopo... PILLOLA?

il posto giusto dell'amore

fantasticare fa bene?

prima il dovere e poi il piacere?

MALEDETTE CH@T!!!

molto felici

non ritornano più!

è bello sentirti

l'uragano DONNA

oggi sarò LEGGERO

sessualizzati

... smettila!!!

mettere in gioco il cuore

quel primo appuntamento

a difesa delle 3 ore al giorno

volevo dirti che... MI MANCHI

non siamo esenti da colpe

... bustine d'amore

non ci credo ma... li leggo

TRADIRE... un bisogno d'amare?

vince chi abbandona?

gelosia in amore

lacrime d'amore