preferirei DORMIRE


 

Uno dei principali disturbi mentali di cui soffre il maschio moderno è, senza alcun dubbio,  "il calo del desiderio".

Non c'entra il numero o la qualità del rapporto e, tanto meno, l'abitudinarietà che indurrebbe a credere che sia l'elemento fondamentale che assottiglia la desiderabilità verso la propria partner. Il male è molto più profondo.

 

Sembra quasi che il sesso non interessi più! Viene vissuto in forma molto marginale;  anche perché è troppo facilmente raggiungibile. Una volta, per AMMIRARE corpi nudi, si era costretti a rinchiudersi in solitari cinematografi di periferia, o spingere al limite la propria spudoratezza fino a farti vincere l'imbarazzante vergogna di ritrovarsi ad acquistare riviste porno. Oggi, invece, abbiamo tutto a portata di telecomando e di muose (soprattutto). Ci fosse un canale libero che, a tarda notte, non reclamizzi formose ragazze depresse e desiderose di una voce maschile (ad alto costo) o si riesca, uno solo giorno, ad essere risparmiati dalle continue mail che ti implorano aiuto, per curare l'insoddisfazione repressa di vogliose casalinghe lasciate sole a casa. E cosi succede che, mentre in pubblico, in tv e nella pubblicità, c'è sempre un maggior richiamo alla eroticità, nel privato ci si evita sempre più facilmente... fino a toccare i minimi storici :(

 

Prendo in prestito un sondaggio del Censis del 2001 per rapportarVi su alcuni dati che appartengono al nostro bel paese; definito da sempre terra di poeti, navigatori, santi e passionali Latin Lover a letto.

Il sesso viene vissuto nelle coppie in questa misura  (almeno questo è quanto fa emergere la statistica):

- nel primo anno si consumano circa 200 rapporti sessuali che poi scendono a 60 nel quarto anno, per poi precipitare a 10 nel settimo e sprofondare, nell'infelice media, da 0 a 4 nel sedicesimo anno.

 

Fa sorridere e rabbrividire, ma... c'è una larga parte degli intervistati che, al decimo anno di matrimonio, ha amaramente confessato che... <<non lo praticano affatto!>> -

E dov'è il problema? Di chi è la colpa?

In una società sempre più competitiva, che spinge a realizzare i desideri in modo frenetico e ci obbliga a rincorrere i sogni, sempre più distratti da nuove attrattive, che valore assume il sesso  per amore? Anche le storie fra amanti sembrano diventate demodé, a cui nessuno pone più meraviglia, se non quella, di natura angosciosa, determinata dall'amara sconfitta del sapersi protagonisti di una vita incompleta se, almeno una volta nella propria storia, non si è provato il gusto insolito del vivere segreti amori.

 

Per la verità, non credo sia soltanto colpa dell'arrivismo esasperato, dentro al quale ci confrontiamo e ci.. consumiamo sempre più! Non può essere tutto frutto di una logica conseguenza dipesa dal troppo stress da lavoro, o dal restare attentamente concentrati ed in sintonia con i mille impegni che ci avviluppano  e che allontanano, irrimediabilmente, il cuore dall'amore sessuale.

La realtà è che ci piace sempre più isolarci in noi stessi. Viviamo troppo segretamente i nostri drammi esistenziali, e preferiamo chiuderci in noi stessi, piuttosto che... chiedere aiuto al proprio partner. Nelle nostre abitazioni entra sempre meno gente e, sempre più, le camere separate sono una rarità! E' un malcelato incubo che riguarda un po' tutti noi e che, a volte, è costretto ad essere seppellito dalle puerili scusanti, poco credibili, quali: tremendo dolore di testa; giornata dura in ufficio o l'approssimarsi di un nuovo giorno impegnativo e da affrontare con la giusta carica.

...che delusione.... e povero Cupido... che fallimento! Più passa il tempo e più si sconsola ad assistere, indifeso, alle candide scene di matrimoni sempre più casti e vissuti in letti a singola piazza!

  

Non c'è morale questa volta a chiusura dell'editoriale, ma solo un augurio sincero di buon fine settimana, nel quale provare a dimenticarci degli affanni e di tutti gli affollamenti che ci circondano, e dedicarci di più all'altra parte del nostro cielo... desiderosa di maggiore affetto amoroso!

 

 

indietro >>

 
- RIFLESSIONI IN PUNTA DI CUORE - pensieri a ruota libera di Gianfranco Iovino
 

 

 

 
 
 

 
 

 

un po' di... BUIO

amore senza limiti

appuntamenti con... LA VITA

in ETERNO... a chi?!

una sana bugia

santa... PAZIENZA

è solo un buco... nell'acqua

vertiginosi SEGRETI

quei posti lontani...

in posa il cuore... per una foto

maledetto nemico ALCOL

meglio un rimorso o un bel...

VOLARE... un bello sforzo

una data CERTA... e poi?

SESSO... quel chiodo fisso

LAOS: diritto ad essere bambini

la fretta

amico mio... dove sei?

ti amerò fino a... MORIR PER TE!

il padre è il PADRE

angeli... in corsia

8 Marzo... tra mimose e fiamme

sommersa

amore spegni la tivù

è San Valentino per... TUTTI

passione

acqua che... UCCIDE

intervistare l'impossibile

un desiderio MAGICO

fatti... e non parole

come si spegne un amore?

un dramma... esser donna!

20 novembre... tutto l'anno

l'allegria rende meno INFELICI?

correre, correre... e poi?

VISI... non visti più

anche per morir ci vuole... tempo

profumi della vita

sempre è... VITA

specchio delle mie brame

di come eravamo NOI

siamo ABUSANDO troppo!

vento di ricordi

il tuo tempo

sballiamo l'NFG?

distrofia muscolare:  male perfetto

a me gli occhi

il giorno dopo... PILLOLA?

il posto giusto dell'amore

fantasticare fa bene?

prima il dovere e poi il piacere?

MALEDETTE CH@T!!!

molto felici

non ritornano più!

è bello sentirti

l'uragano DONNA

oggi sarò LEGGERO

sessualizzati

... smettila!!!

mettere in gioco il cuore

quel primo appuntamento

a difesa delle 3 ore al giorno

volevo dirti che... MI MANCHI

non siamo esenti da colpe

... bustine d'amore

non ci credo ma... li leggo

TRADIRE... un bisogno d'amare?

vince chi abbandona?

gelosia in amore

lacrime d'amore

cuccia... zitto... MUORI.

paura di gridare

la solitudine... paura di parlare

poveri imperfetti figli dell'amore

non è solo questione di pelle

perDONO

fame di sete

gelosia disArMANTE

preferirei dormire

questa divina invenzione stupenda

le verità taciute

indifferentemente vivo

a caccia della vita