Vai ai contenuti

UN NUOVO AUGURIO

Siamo in pieno clima natalizio ed è inevitabile il mio pensiero sul Santo Natale che, purtroppo, prosegue ad essere appesantito dalla preoccupazione di non avere ben chiare le visuali del futuro, perché troppo incerto, laddove i venti dell’est ci portano rumori di guerra, che si mischiano alle grida di dolore e rabbia di altri popoli, per la negazione di diritti fondamentali e irrinunciabili,
Gianfranco Iovino | 2/12/2022

SIAMO TUTTI COLPEVOLI

Questa è una storia vera che non conoscevo, ma quando l’ho finita di leggere mi ha tanto intristito. La sintetizzo e la condivido perché possa servire a riflettere su quanto possa fare male l’indifferenza degli uni unita alla cattiveria degli altri. Parlo di Amanda Michelle Todd...,
Gianfranco Iovino | 2/12/2022

LO PRENDO IO... MA LO ACCOGLI TU

E mentre ci si litiga sui destini di un attracco in chissà quale porto, tra politici inflessibili e Capi di Stato arroganti, succede che si continua ad incrementare il numero di morti innocenti che per fame, sete e freddo, nello scappare da terre umiliate dalla violenza e la povertà, trovano una porta invisibile sul mare che si apre e li inghiotte, rubandosi tutto il loro fiato e coraggio, restituendoci, in cambio, solo dolore e pietà.
Gianfranco Iovino | 4/11/2022

CON PIU' CUORE

Che sogno strano che ho fatto questa notte; ve lo voglio proprio raccontare!
Nel bel mezzo del nulla, ecco che mi trovo ad uscire di casa, e appena scendo per strada capita che chiunque incroci, di conosciuto e non, si fermi per stringermi la mano, regalarmi un suo bel sorriso accomodante, chiedermi con gentilezza se stessi bene, e poi andare via per la sua strada.
Gianfranco Iovino | 13/10/2022

un taglio netto e... VIA!

Mi sa che la notizia di una “donna che ha tagliato i genitali al compagno, perché lo ha scoperto che cercava di stuprare sua figlia 14enne” è passata troppo in sordina ed archiviata sotto tono, e non certo per una questione legata alla violenza del gesto da parte di una madre coraggiosa, che si è dimostrata determinata nel dare “un taglio netto” al corpo del reato.
Gianfranco Iovino | 24/9/2022

RICOMINCIARE AD OGNI NUOVA SCELTA

Stamattina, in viaggio verso l’ufficio, mi sono concentrato su due canzoni, trasmesse in sequenza che mi portano a scrivere questo pensieroBLOG sull’immaginaria opportunità di avere “un’altra vita” di ricambio con cui correggere gli errori, le scelte e deviare le strade sbagliate per fare in modo che non ci siano pentimenti, dolori e rimpianti da gestire.

UN VELO PIETOSO

Vorrei tanto che qualcuno mi spiegasse (convincendomi) perché può succedere che in un posto lontano da noi, dove ci sono ben altre democrazie e coscienze umane a governare i popoli, è permesso di uccidere solo perché si è risultati disubbidienti… scomposti… peccaminosi… e indegni!
Ha fatto scalpore la vicenda della giovane Mahsa Amini,
Gianfranco Iovino | 13/8/2022

DI CHI E' LA COLPA

L’immagine che posto a corredo di questo mio breve pensieroBLOG è perfetta ed assolutamente incisiva a sintetizzare la ragione del mio desolamento interiore, che non mi permette di scrivere “cose leggere” su cui dialogare con voi, perché davvero non c’è niente da aggiungere a quello che quotidianamente ci sta annerendo il cuore di dolore!
Gianfranco Iovino | 13/8/2022

SVEGLIATEMI MA... nel futuro!

Voi sapete quante persone si sono fatte ibernare e restano in attesa di un futuro risveglio?
Sembrerebbe che siano oltre 200 i corpi surgelati e lasciati al fresco in attesa di scongelamento, come sostiene l’organizzazione senza scopo di lucro “Alcor Life Extension Foundation”, che accoglie nei propri stabilimenti di criopreservazione i corpi (o i cervelli) delle persone, che sperano di essere resuscitate nel tempo futuro attraverso processi scientifici (ad oggi non ancora sperimentati).
Gianfranco Iovino | 31/7/2022

CHIUDI QUEL CASSETTO!

Un giorno ho letto questa affermazione: “i sogni sono per gli audaci, i coraggiosi e i temerari… per tutti gli altri esistono i cassetti!” e sono d’accordo con questa teoria, dove ad alimentare il desiderio di un sogno non sia soltanto la volontà di raggiungere un risultato o la motivazione di qualcosa di tanto agognato da sempre, se poi strada facendo quel sogno si sgretola ogni volta di più, quando sbatte contro i tanti cocenti ed impietosi NO!
Gianfranco Iovino | 13/7/2022

VENDO FIGLI… chi potrà condannarmi?

«Vendo figli… sì! E lo faccio perché non posso più farne a meno.
Me lo impone la vita… il senso di sopravvivenza e il rispetto di chi si aspetta da me gesti di speranza, anche se così estremi e disperati.
Non mi crederai, ma la mia coscienza è pulita, anche se tu pensi il contrario. Vendo mio figlio, e non certamente a cuor leggere, perché devo farlo per forza… è l’ultima scelta possibile, dato che dalla sua vita venduta dipendono le sorti degli altri miei 6 figli.
Gianfranco Iovino | 26/6/2022

TI RIABBRACCERO’… ANCORA, ancora e ancora!

SIAMO SEMPRE PIU’ VECCHI… sì! Senza troppi giri di parole, è proprio questa la sintesi perfetta che fotografa il nostro bel Paese, stretto tra le affilate tagliole degli spropositati rincari, la povertà diffusa, l’insoddisfazione di massa e l’obbligo cautelativo alla dissocialità che… restituisce un dato preoccupante che vi evidenzio: quasi 400mila nascite nel 2021, a fronte del doppio delle mortalità, che si traduce in un agghiacciante risultato= stiamo invecchiando clamorosamente!
Di attenuanti, sia chiaro, ne abbiamo quante ne vogliamo per giustificarci (pandemia, instabilità economica, incertezza sul futuro e bla, bla bla…) ma di ragioni NESSUNA!

CI STIAMO FACENDO VECCHI

SIAMO SEMPRE PIU’ VECCHI… sì! Senza troppi giri di parole, è proprio questa la sintesi perfetta che fotografa il nostro bel Paese, stretto tra le affilate tagliole degli spropositati rincari, la povertà diffusa, l’insoddisfazione di massa e l’obbligo cautelativo alla dissocialità che… restituisce un dato preoccupante che vi evidenzio: quasi 400mila nascite nel 2021, a fronte del doppio delle mortalità, che si traduce in un agghiacciante risultato= stiamo invecchiando clamorosamente!
Di attenuanti, sia chiaro, ne abbiamo quante ne vogliamo per giustificarci (pandemia, instabilità economica, incertezza sul futuro e bla, bla bla…) ma di ragioni NESSUNA!
Gianfranco Iovino | 12/5/2022

acquisto sbagliato... RESTITUIRE AL MITTENTE

Che tristezza certe notizie!
L’avrete ascoltata anche voi la storia di quella bambina nata con maternità surrogata in Ucraina, abbandonata dalla “coppia committente”, come fosse un acquisto su Amazon a cui è concesso il diritto di recesso entro il primo anno di età.
Sembra assurdo, eppure è successo davvero, ancora una volta, e sempre con la stessa aberrante motivazione: “non lo sentiamo nostro quel figlio!”.

ESODO... SIAMO FUORI STRADA

Da un po’ non scrivo, e non certo per mancanza di argomenti, ma perché c’è davvero tanta confusione in questo momento intorno a noi, e tutti hanno sempre da dire qualcosa, chi per il Covid e chi per il Clima, chi per la fame e chi per la sete nel mondo e chi per i venti di guerra o gli esodi dei disperati.
Ed oggi voglio proprio soffermarmi su questo ultimo dramma umanitario.
Se provate a ricercare il significato della parola ESODO vi sarà fornita una spiegazione del genere: un esodo (dal greco ἔξοδος, èxodos, composto di èx “fuori” e hodòs “strada”) è la partenza volontaria di una comunità, o di un gran numero di persone dal proprio paese, per motivi di lavoro, religiosi, politici, etici.
Gianfranco Iovino | 25/3/2022

GLI OCCHI DELL'AMORE

Chi non ha letto il capolavoro letterario IL PICCOLO PRINCIPE, e quanti non hanno fermato lettura e pensieri sull’affermazione della volpe, quando sostiene che: “non si vede bene che col cuore, dato che l’essenziale è invisibile agli occhi”?
Ed io mi rifaccio al concetto degli occhi per allargarlo fino all’amore, e trovarci spunto di riflessione per soffermarmi sull’importanza di guardare le cose della vita “con gli occhi del cuore”, perché ci permettono una visione diversa, meno condizionata da stati d’animo, reazioni umorali e ostiche prese di posizione.

CASTIGO AD ESSER DONNA

fa davvero male, oltre che rabbrividire le pareti del cuore, le continue immagini trasmesse in tv, che appartengo a posti lontani da noi, soprattutto nel modo di pensare… considerare… riflettere… ed agire! (ma che non possono lasciarci indifferenti )
Il 2001 è una data che ha registrato un clamoroso miracolo, perché è di quello che si è parlato, in una terra dove l’integralismo religioso è tanto integerrimo che anche solo immaginare di discuterlo o manifestarci contro ti fa rischiare la morte.
Ma è bastato un niente per cancellare quella conquista e 20 anni di umana normalità.

FORTUNATO A CHI

Mi sono spesso chiesto quale possa essere la “fortuna” più impattiva e fondamentale nella vita, e la risposta trovata è sempre la stessa: NASCERE, perché nulla è più importante, per ognuno di noi, dell’essere venuti al mondo, vincendo possibili NO… qualsiasi preoccupazione, ogni altro timore o disagio, da parte di chi ci ha donati la vita, in maniera così naturale e miracolosa.
Ma oggi mi sento di dover aggiungere un’altra “fondamentale fortuna”: il luogo dove si nasce, perché finché siamo figli di questi quadrati di stelle e meridiane tranquille, possiamo costruirci il futuro su basi più o meno solide, ma sicuramente LIBERE di essere interpretate, inseguite e raggiunte, cose non scontante se ci soffermiamo con più attenzione sui FATTI DEL MONDO, rendendoci conto che ci sono posti dove nascere è un “castigo”, se non una condanna a vita.
Gianfranco Iovino | 31/12/2021

POSITIVO CONTAGIO!

Mi rendo conto che la Pandemia ha inciso anche sulla letteratura italiana, al punto da farci disabituare a termini che, fino a 2 anni fa, erano consuetudinari per noi.
Ma io sono stanco di non poter indicare un amico come persona assolutamente “positiva” ed ottimista, così come mi è impossibile cancellare il termine “contagioso”, quando mi riferisco alle cose belle che accadono quotidianamente da condividere, o l’estate italiana 2021 che di infettivo, per fortuna, ha solo l’entusiasmo con cui abbiamo esaltato le imprese sportive dei nostri eroi del calcio, come dell’atletica, che ci inorgogliscono e regalano un senso di appartenenza altissimo verso la “bandiera”.
Gianfranco Iovino | 5/12/2021

ma l'ANIMA cos'è?

Oggi ho un pensieroBLOG da proporvi un po’ complesso mi sa, perché mi sto avventurando nell’ANIMA, inteso come luogo (o elemento) di cui si parla spesso, dato che lo troviamo in tantissimi luoghi comuni e frasi di circostanza, ma che… sappiamo davvero cosa sia?
Prendo in prestito la definizione di un vocabolario che descrive l’ANIMA come “il principio immateriale della vita nell’uomo, contrapposta al corpo e tradizionalmente ritenuta immortale, oltre che sede dei sentimenti.”
Immateriale, anche se la teoria di MacDougall del 1901 vorrebbe che l’anima ha un peso specifico, che una volta esalato l’ultimo respiro si libera dal nostro corpo e ci alleggerisce di 21 grammi.
Gianfranco Iovino | 30/10/2021

ma DIVERSO... da chi?!

Da un po’ di tempo non pubblico pensieriBlog, ed oggi lo faccio riportando lo stralcio di una confidenza anonima (forse inventata, ma reale) che si esprime così:
“Quando i genitori hanno scoperto la mia omosessualità, tutto è cambiato. Me ne sono accorto dalle loro facce, non più fiere di me, ma segnate da tristezza e delusione… la stessa che ho rivisto, qualche tempo dopo anche nei volti e le parole dei miei parenti e, finanche degli amici, quelli più intimi e fraterni, stupiti dalla mia confessione inaspettata… di quel mio essere incomprensibilmente “diverso”.
Gianfranco Iovino | 4/10/2021

SPERARE di non morire dentro!

Avete fatto caso in questi giorni pasquali quante siano state le volte che abbiamo detto, sentito o letto la parola SPERANZA?
Se ci fosse un calcolatore a classificarne il totale, saremmo su numeri spaventosi perché chiunque ne fa uso, (a volte indiscriminato), sia esso un esponente politico che religioso, di compagnia o famigliare e così via.
E tutti ci leghiamo a questa parola con la certezza che sia davvero un antidoto alla desolazione e una possibilità di riemergere dalle sabbie mobili nelle quali stiamo sprofondando, data l’incertezza diffusa sul futuro… sul domani… sulle aspettative… sulle certezze… sulla stessa SPERANZA!

LA MIA VITA IN UN FOSSO

Giochiamo di fantasia?
Bene. Immaginate che proprio adesso, nel bel mezzo delle vostre solite cose di ogni giorno, qualcuno bussi alla porta chiedendovi di seguirlo, insieme a tutta la vostra famiglia, riempiendo una sola valigia di pochi stracci, e di fare in fretta perché... non c’è tempo, o se ne è già perso troppo!
Gianfranco Iovino | 17/7/2021
Torna ai contenuti